Marketing

Mini Marketing?

Dopo quasi 300.000 onorati km percorsi, la mia Mini One D (color rossa) va definitivamente in pensione.

Dopo chilometri e chilometri percorsi, ore ed ore di viaggi e molte avventure su quei sedili…, anche la mia automobile merita di riposare e passare a miglior vita.

Se il primo Novembre di ogni anno ci si reca al cimitero per onorare i propri defunti, le automobili andranno a dormire definitivamente sotto una pressa idraulica dal così detto sfascio carrozze.

Così, dopo aver organizzato il corteo funebre per la mia amata Mini, ho iniziato la ricerca di una nuova automobile da acquistare!

Da dove inizio, che marchio scelgo, che modello scelgo?

Essendo italiano è d’obbligo rivolgersi ad un concessionario che venda automobili italiane: Ferrari??? Purtroppo no: Fiat. La Ferrari sarà per la prossima volta!!! Tempo fa ho anche scritto un articolo sul Marketing della Ferrari. Puoi leggero qui se vuoi.

Così lo scorso Sabato mi reco al concessionario Fiat della mia zona.

In realtà ho scelto di orientarmi all’acquisto di un’autovettura Fiat, non tanto perché è un marchio italiano, ma per aver supposto di acquistare una macchina poco costosa. Infatti ero orientato all’acquisto di una Panda, possibilmente il 4×4. Bella! Molto carina, specie quella esposta lì nel salone: blu, con i cerchi in lega e le cromature.

Appena entrato nel salone espositivo, mi hanno acclamato come se fossi il Re di Svezia in visita ufficiale. Con un caloroso “Benvenuto”, la prima venditrice disponibile, mi offre subito una caramella.

Così questa venditrice, devo dire gran bella gnocca, dopo la caramella mi invita ad accomodarmi alla sua postazione per il preventivo di rito.

Scioccante! Durante la configurazione del modello con i relativi accessori, ero continuamente distratto dalla sua impressionante scollatura (le dure leggi del Marketing…) per cui non avevo realizzato che il preventivo finale aveva un prezzo molto alto secondo la mia aspettativa.

Un po deluso dal preventivo ottenuto e dalle condizioni proposte, esco dalla concessionaria Fiat per fare visita ad altre concessionarie; altri marchi.

Così iniziai una lunga processione con le seguenti stazioni: Alfa Romeo, Nissan, Kia, Jeep, Audi, Opel, Ford, BMW, Mercedes-Benz e Volkswagen. Vi giuro che ora so tutto di automobili: dai nomi dei modelli alle cilindrate, dagli accessori ai diversi tipi di pneumatici. Un esperto!!!

A proposito di esperti automobilistici, dopo queste visite, mi incontro con il mio caro amico Vincenzo per un consiglio e per informarlo del mio prossimo acquisto. Lui è informatissimo su modelli, segmenti e marchi, ma… lui acquista solo automobili italiane: Fiat o Alfa Romeo. Gli altri marchi non esistono. Per non parlare dei marchi tedeschi.

La sua massima convinzione è che le Audi, le BMW, le Mercedes e le Volkswagen sono “catorci costosi che non servono a nulla”!!!

Il problema è proprio questo: con lui, ogni volta, discutendo di automobili, si ragiona a senso unico! È sempre dello stesso parere: “Le migliori automobili sono quelle prodotte dalla Fiat e Marchionne è un grande manager”.

Ma queste case automobilistiche, citate sopra, quante macchine producono? Quante ne vendono? Ed ecco alcuni risultati. Di seguito riporto il numero delle automobili immatricolate, in Italia, nel 2016.

1 Fiat Panda: 147.291
2 Lancia Ypsilon: 65.655
3 Fiat 500L: 54.709
4 Renault Clio: 49.776
5 Volkswagen Golf: 47.217
6 Fiat 500X: 46.233
7 Fiat 500: 45.405
8 Fiat Punto: 45.226
9 Ford Fiesta: 43.526
10 Volkswagen Polo: 43.103

E quali sono i marchi più amati dagli Italiani? Ecco la Top 20 aggiornata a Dicembre 2016.

1 Fiat: 385.678 (+ 17,12%)
2 Volkswagen: 139.057 (+ 16,78%)
3 Ford: 124.257 (+ 13,68%)
4 Renault: 118.283 (+ 24,72%)
5 Opel: 95.022 (+ 6,78%)
6 Peugeot: 94.087 (+ 11,48%)
7 Toyota: 71.822 (+ 9,40%)
8 Lancia/Chrysler: 65.694 (+ 16,55%)
9 Mercedes: 64.334 (+ 19,86%)
10 Audi: 63.946 (+ 16,65%)
11 Citroën: 60.490 (+ 12,06%)
12 BMW: 59.830 (+ 20,25%)
13 Hyundai: 56.337 (+ 18,95%)
14 Nissan: 55.198 (- 4,00%)
15 Dacia: 47.958 (+ 9,05%)
16 Kia: 45.138 (+ 15,54%)
17 Jeep/Dodge: 40.438 (+ 35,03%)
18 Alfa Romeo: 36.379 (+ 19,21%)
19 Smart: 28.317 (+ 17,37%)
20 Mini: 24.430 (+ 10,99%)

A questo punto sembrerebbe che il mio amico Vincenzo abbia ragione!!! La panda è la macchina più venduta in Italia e la Fiat è la casa automobilistica più gradita dagli Italiani.

Ma Vincenzo si sbaglia alla grande per il mercato Europeo: al primo posto, la macchina più venduta in Europa è la Volkswagen Golf. E la seconda macchina? La Volkswagen Polo.

Insomma in Europa, sul mercato automobilistico c’è il dominio del Gruppo Volkswagen.

Ma cosa c’è dietro il grande successo della Volkswagen? Quali sono le strategie che utilizzano?

I materiali pregiati, che contraddistinguono le loro “creature”, mantengono e esaltano la loro bellezza. È così che nascono prodotti studiati nei minimi dettagli per soddisfare le esigenze degli automobilisti più attenti. Soprattutto ad costo molto basso…

I prodotti si articolano in vere e proprie linee di stili, spaziando dalla carrozzeria con linee cromate, a cerchioni, vetri e interni di svariati materiali (plastica, stoffa, pelle).

Salendo a bordo di una vettura siamo in grado di distinguere il tipico profumo. Il profumo è importantissimo per esaltare da un lato il senso di fresco e pulito, dall’altro il profumo originale dei materiali e quindi il senso di appartenenza al Brand e alla sua storia.

Il Packaging è fondamentale. Coinvolge immediatamente la vista e il tatto. Dunque particolare importanza riveste questo aspetto.

Dopo aver creato il prodotto, le case automobilistiche si “scontrano” sul mercato a suon di pubblicità. Dallo spot televisivo ai Social, dai test drive ai super sconti. Ognuno adotta le migliori strategie di Marketing.

Quindi non sarà un caso se la pagina Facebook della Volkswagen conta oltre 28 Milioni di Followers e quella della Fiat supera di poco i 2 Milioni.

Non sarà un caso se Volkswagen, dagli anni ’40, è la macchina del Popolo!

Il Marketing delle case automobiliste è basato sul prodotto stesso, ma innovato ogni volta. Pensare che la prima Golf è stata lanciata nel mercato nel lontano 1974.

Nel Marzo del 1976 si produsse l’esemplare numero 500.000 e l’esemplare numero 1.000.000 fu prodotto nell’Ottobre dello stesso anno.

La seconda generazione di Golf fu prodotta dal 1983 al 1991, la terza dal 91 al 97 e la quarta dal 1997 al 2003. Dal 2003 al 2012 ci sono state altre due generazioni.

Oggi siamo nell’era della settima generazione Golf che viene prodotta dal 2012.

Ricordo che ai tempi delle scuole superiori, il padre del mio compagno di banco, aveva la Golf seconda serie. Ai tempi delle scuole superiori comprò la serie successiva. Oggi ha l’ultima serie. Insomma un fedelissimo e devoto alla Volkswagen Golf da oltre 30 anni.

Stessa cosa mio padre ma con un altro marchio: sempre fedelissimo al marchio Ford,  come la stessa fede di Vincenzo che compra solo Fiat o Alfa Romeo.

Ed io? Bhe… la fede è la fede e questa volta il Marketing non centra nulla. Questa mattina il concessionario Mini mi ha telefonato: “Signor Luca la sua nuova Mini è pronta per essere ritirata. Può passare quando vuole!”.

Luca Di Zio | Marketing-ologo

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Cesare
    14 aprile 2017 at 3:55 pm

    bell’articolo e pure io amo le Mini!!!

    • Reply
      Luca Di Zio
      23 aprile 2017 at 4:07 pm

      Grande Cesare! Grazie!!!

    Leave a Reply