Marketing Social

Italiani indignati: la vergogna di Chiara Ferragni.

Ci casco sempre. Ogni volta che leggo alcuni post su Facebook ho uno sbalzo di pressione: la minima tocca quota 160 e la massima 320.

Da rimanerci secco ogni volta! Proprio come l’altro ieri.

A provocarmi quasi una sincope è stato l’aver letto molti commenti di tutti quelli che hanno urlato “No a Chiara Ferragni”.

L’odio verso una giovane ragazza, l’odio verso una nostra connazionale e l’odio verso un imprenditrice di successo, sono state le palesi manifestazioni pubblicate su tante, tantissime bacheche Facebook.

Successo e soldi? Satana in persona!

Ma facciamo un passo indietro proprio per spiegare chi è Chiera Ferragni (nel caso tu non lo sapessi) e perché la gente ha avuto nausee e diarree dopo aver letto una scioccante notizia che appunto la riguarda.

Avete presente quella bellissima bionda con occhi azzurri protagonista dell’ultima pubblicità della Pantene? Ecco lei è Chiara Ferragni.

 

Attualmente è anche la fidanzata del repper Fedez. Vabbè i gusti sono personali ed è bello ciò che piace…

Ma non voglio parlarti di gossip e corna (per questo ci pensa Barbara D’Urso). Andiamo avanti su altre notizie utili che riguardano il caso di Chiara Ferragni.

Nasce a Cremona nel 1987 e da giovane frequenta l’università Bocconi di Milano.

Nel 2006 inizia a postare le sue prime foto sui Social mostrando i suoi look ed i suoi selfie. Arriviamo al 2008 ed inizia ad essere popolare su Flickr.
L’anno che ha proiettato la giovane cremonese nella popolarità è stato il 2009: fonda un Blog chiamato theblodsalad.com!

Il Blog parla del suo stile, di moda e di molte altre cose che le piacciono; insomma parla di lei e della sua vita. Un mix. Anzi un’insalata.

Dopo qualche hanno il Blog riceve un prestigioso premio; vince il Bloglovin’ Awardas. Un premio molto importante per i Blogger di tutto il mondo.

Nel 2012 lancia un suo marchio e nel 2013 raggiunge un milione di followers sul suo profilo Instagram. Sempre nel 2012 Ferragni viene citata tra le 500 persone più influenti al mondo nel settore moda. È la prestigiosa lista stilata da BOF.

Arriva il 2014 e la bellissima Chiara appare sulla copertina del megazine Grazia. Poi arrivano anche le copertine di Vogue, Glamour, Elle, Grazia, Cosmopolitan, ecc.

Diventa un’icona della moda e del gusto italiano in tutto il mondo.
Molte le collaborazioni con famosissimi stilisti ed aziende del settore moda. Converse e Steve Madden giusto per citarne due. Avete presente le Converse, vero?

Se le Converse che indossi ti piacciono così tanto forse è anche per qualche consiglio dato dalla Ferragni al produttore!

Nel 2015 entra per fino nella lista degli “30 Under 30” di Forbes, ossia la lista dei giovani talenti, con età massima di 30 anni” selezionati da Forbes. Già Forbes.

Nel 2016 diventa la protagonista delle campagne pubblicitarie della Pantene e Amazon Fashion.

In tutti questi anni ha avuto un florido Business. E continua ad averlo…

Da zero a 20 milioni di euro. Questo è stato il fatturato nel 2016 e 24 sono i dipendenti della sua “piccola” impresa, partita nel 2009 (aveva 22 anni) solo con il suo pc nella sua cameretta…

Ma ecco che arriviamo ai soliti problemi italiani!

Notizia: Chiara Ferragni insegnerà alla prestigiosissima università di Harvard.

Precisamente, per un solo giorno, spiegherà agli studenti del MBA, un corso opzionale di Marketing, offerto dalla Harvard Business School, l’evoluzione che ha avuto il suo Blog The Blond Salad dal punto di vista finanziario ed editoriale.

Cioè questi studenti avranno davanti una Casy History di altissimo successo argomentata dalla stessa protagonista. Immagina la situazione: il titolare di un’azienda che fattura 20 milioni di euro all’anno ti spiega come ha fatto. Quelle informazioni saranno tue per tutta la vita. Puoi farci quello che vuoi. Capito cosa intendo, vero?

Ma carissima signorina Chiara, tu così ferisci centinaia di migliaia di italiani. Specialmente i giovani.

Come potrebbero mai accettare che una qualunque ragazzina, “con selfie a tette al vento, immortalate dentro bagni pubblici, vada a fare lezione nella più prestigiosa università di Business?”

Povera Italia. Ecco “quelli che vanno avanti oggi […] sono quelli che hanno inventato le stupidaggini”.

Vuoi “fare la maestrina” quando ci sono centinaia di eccellenti cervelli italiani, che dopo tanto studio, sacrificio e dedizione sono ancora disoccupati perché aspettano che cada il lavoro dal cielo…

Ma insomma! Non è assolutamente corretto che tu vada nella migliore facoltà universitaria di Business (al Mondo) a raccontare cosa hai fatto a casa tua e come l’hai organizzata.

Ma come ti viene in mente? È una grande offesa per tutti sapere le strategie di Marketing che hai usato per fatturare 20 milioni di euro in un solo anno…

In Italia c’è la crisi, i problemi, le tasse più alte del mondo e ti permetti di spiegare il modello di Business che ti ha dato tanto successo???

In più lo farai in lingua inglese. Non è assolutamente accettabile che tu, fondatrice di un Blog, parli correttamente la lingua inglese!!!

Basta con chi ha solo pregiudizi, con chi prova soltanto invidia e con chi non ha più rispetto dell’operato degli altri. Basta con chi sa solo lamentarsi.

Penso che ora siamo arrivati al punto di fondare un’associazione nazionale che tuteli i diritti e l’operato degli Haters. Chiara Ferragni deve capire che la colpa è tutta sua quando se tutti si avvelenano sui Socia ed alimentano discussioni con commenti improntati a un odio violento.

Non è giusto che una ragazzina, con tanto sacrificio e tanta dedizione, raggiunga il successo. Non è giusto che senza affrontare numerosi pericoli e numerosissimi problemi Chiara sia arrivata ad avere un buon saldo disponibile sul conto corrente bancario.

Non è giusto che le principali case di moda ti chiamino e ti chiedano collaborazioni.

Non è giusto che una sconosciuta arrivi da 0 a 100 in breve tempo e nel frattempo alimenta l’economia di un complesso ed articolato circuito economico mondiale.

Per fortuna in Italia nessuna prestigiosa università ti ha dato questa opportunità. Qui nessuno vorrebbe ascoltarti e per fortuna Harvad è in America… stai lontana dai tuoi connazionali.

In Italia la gente vuole continuare a vivere con i pregiudizi e con le solite convinzioni, pur non conoscendoti: rimani in America per favore!!!

Non è assolutamente il caso che un’azienda, fondata da te, che dal nulla arriva ad avere utili stratosferici, venga considerata come modello di Business, portatrice di valori e di innovazione.

Non puoi farlo. Per gli italiani sei una vergogna. Gli italiani hanno di meglio da fare sui Social.

Vergognati, hai portato il tuo Nome in tutto il mondo, hai fatto conoscere le eccellenze italiane ed influenzato milioni di persone in tutto il mondo con il tuo Blog e con la tua impresa tutta italiana. Non sei per niente il nostro orgoglio.

Vergognati!

Ovviamente ho scherzato. Ho voluto solo rimarcare questi comportamenti sbagliati: il pregiudizio verso chi ha successo. E lo faccio molto incazzato.

E sono ancora più incazzato perché non sarò mai uno studente della Harvard che potrà ascoltare la testimonianza di una imprenditrice, migliore di me, come Chiara Ferragni.

Luca Di Zio | Marketing-ologo

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply